L’apprendista stregone

 Benissimo: la frittata è stata fatta, adesso bisogna mangiarla e digerirla. Non sarà facile. Chi ha più problemi di digestione è Beppe Grillo, e l’ha dimostrato nel primo facsimile di intervista. Tutti gli chiedevano: adesso con chi farete il governo? E lui rispondeva: ma no, noi non facciamo niente; sono gli altri che devono fare le proposte, noi giudicheremo se ci stanno bene o no.

    Eh già. Lui pensava di fare casino, invece adesso tutti si aspettano da lui la ricetta per salvare la patria. L’apprendista stregone sembra non aver ancora capito che un partito, quando raccoglie il 25%, deve prendersi le sue responsabilità. Troppo facile giocare di rimessa. Fino a due giorni fa era logico che i programmi li tirassero fuori PD o PDL, ed era logico che Grillo li contestasse, ma dopo aver messo insieme una percentuale tale da bloccare tutti i giochi, uno non se la può cavare così a buon mercato. Un governo ci vuole, e gli unici partiti in grado di farlo sono tre. Il Movimento 5 Stelle è uno dei tre, e deve scegliere. Se sceglie di star fuori, dà un’indicazione precisa: voglio un governo PD-PDL!

    Grillo dice: sì, voglio proprio questo per inchiodarli alle loro responsabilità. E loro rispondono: oggi le responsabilità sono anche tue. 

    Risultato? Non credo proprio che PD e PDL saranno disposti a fare il gioco di Grillo. Penso piuttosto che vivacchieremo con un governicchio di minoranza fino a quando ci sarà da eleggere il presidente della repubblica. A quel punto, non resterà che eleggere Monti, per tener buona l’Europa, e poi rifare le elezioni. Nel frattempo lo spread sarà arrivato a 600 e il default sarà lì a due passi.

    Insomma: se il Movimento 5 Stelle non cambia impostazione, e alla svelta, farà la fine del Partito dell’Uomo Qualunque (al quale, del resto, assomiglia in modo impressionante). Che fine farà l’Italia, meglio non pensarci.

Annunci

Informazioni su riccardo ferrazzi

Tutto quel che c'è da sapere sul mio conto è che ho scritto un paio di romanzi e qualche racconto. Comunque, per non sembrare scontroso, vi dirò che sono nato nella prima metà del secolo scorso (quindi, anche se mi piacciono le donne, sono ormai inoffensivo), che ho lavorato finché non mi è caduta addosso la depressione, e che adesso passo il tempo a leggere e scrivere (perché non ho niente di meglio da fare).
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’apprendista stregone

  1. Pingback: L’apprendista stregone | Merlin Cocai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...