Sistema elettorale

Chi avesse letto il post precedente potrebbe dirmi: visto che hai liquidato il senato, cosa pensi di risolvere lasciando tutto in mano alla camera?

Lasciando tutto come sta, ridurre il parlamento alla camera dei deputati sveltisce di poco il processo decisionale. Per sveltirlo davvero sono necessarie modifiche sostanziali nella legge elettorale e nel regolamento dell’assemblea.

Chi ricorda qualcosa del cosiddetto Italicum sa quanto discutibili, incerte e probabilmente inutili siano le soglie di sbarramento indicate caso per caso. Da dove vengono queste macchinose disposizioni? Dalla storia recente.

La cosiddetta seconda repubblica, preso atto delle ruberie generate dal sistema proporzionale con le preferenze, decise per i collegi uninominali (seppur con un 25% di proporzionale residuo). L’idea era: al diavolo i partitini, facciamo in modo di avere un partito conservatore e uno progressista; e stop. Ma in Italia, fatta la legge trovato l’inganno: si inventarono le desistenze e, invece di due partiti, ce ne ritrovammo quattordici. Qualcuno pensò di proibire le desistenze? Mai più! Si inventò il Porcellum, e poi l’Italicum, e magari domani qualcos’altro (sotto la spinta della paura di Grillo).

A me piacerebbe una camera di 400 deputati (come negli USA), eletti in collegi uninominali a un solo turno (come in Inghilterra). E mi piacerebbe che in questa camera non esistessero più “peones” ma che ciascun deputato avesse il suo daffare in una commissione e negli organi di funzionamento dell’assemblea.

Mi piacerebbe anche bandire il voto segreto e far sì che ogni deputato si prenda pubblicamente le sue responsabilità. Perché diavolo dobbiamo tenere in piedi lo sconcio dei “franchi tiratori”? Piuttosto facciamo in modo che ogni parlamentare sia libero di votare secondo coscienza, anche contro le indicazioni del suo partito, ma pubblicamente e prendendosene la responsabilità.

E perché dovremmo tollerare le trasmigrazioni di deputati da un gruppo all’altro, gli Scilipoti&Co? Ogni deputato voti come ritiene giusto in ciascuna circostanza e si assuma la responsabilità del suo voto. Se poi il partito nel quale è stato eletto non gli piace più, lo lasci pure o si faccia espellere; ma allora decada dalla sua carica e, se vuole continuare a fare il deputato, si ripresenti agli elettori, spieghi le sue ragioni e chieda di essere rieletto con un altro partito, o anche da solo, come indipendente, se pensa di avere sufficiente credito presso l’elettorato.

Insomma, mi piacerebbe una camera di uomini liberi che, una volta eletti come rappresentanti di un partito, si mostrino coerenti con l’ideologia che hanno detto agli elettori di voler rappresentare, ma abbiano anche indipendenza di giudizio e il coraggio di giustificare le proprie scelte.

Tutto ciò non ha niente a che vedere con il “vincolo di mandato”: è chiaro che ognuno deve poter continuare a votare secondo coscienza, ma questo non lo autorizza a dire bianco agli elettori, grigio al partito e nero nell’urna. O meglio: lo autorizza anche a questo, se proprio vuole, ma spiegandone le ragioni apertamente, pubblicamente.

Annunci

Informazioni su riccardo ferrazzi

Tutto quel che c'è da sapere sul mio conto è che ho scritto un paio di romanzi e qualche racconto. Comunque, per non sembrare scontroso, vi dirò che sono nato nella prima metà del secolo scorso (quindi, anche se mi piacciono le donne, sono ormai inoffensivo), che ho lavorato finché non mi è caduta addosso la depressione, e che adesso passo il tempo a leggere e scrivere (perché non ho niente di meglio da fare).
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...