Archivi del mese: giugno 2012

Miracolo!

Incredibile dictu! Montolivo ha indovinato un passaggio. Uno solo, ma è stato sufficiente perché Balotelli andasse in gol. Montolivo c’è rimasto così male che all’inizio del secondo tempo non ce l’ha fatta più e ha chiesto di essere sostituito. Un … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Prandelli d’Italia

    Scrivo questa nota oggi, martedì 26 giugno, quando mancano un paio di giorni all’incontro con la Germania, e spero tanto che la realtà mi smentisca.     Non mi sento affatto fiducioso. Non che me ne importi poi gran che (per … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Qualche piccola riflessione sui massimi sistemi

    Un brano di romanzo. Il protagonista è passato attraverso strane avventure, ci ripensa, e gli viene fatto di riflettere su certe pretese degli esseri umani.     Buona lettura.       Giorgio socchiude gli occhi: è quasi giorno. Il cielo sembra … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Lascia un commento

Palomo e Manolete

    Il 22 maggio del 1972 la plaza di Madrid concesse in premio a un matador le due orecchie e la coda del toro. In un’altra plaza non ci sarebbe stato niente di strano, ma a Madrid la coda non … Continua a leggere

Pubblicato in Toros | 2 commenti

Cassano e l’altra sponda

    In attesa di capire quanto c’è di concreto (e quanto no) nell’ultimo provvedimento “per la crescita”, vorrei occuparmi di una questioncina marginale (ma non tanto).     Quelli che tanti anni fa furono battezzati “radical chic” hanno replicato dando ai … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

Ma perché? Perché no.

     E rieccoci. Cambiare la legge elettorale? Benissimo. Noi vogliamo il doppio turno. D’accordo, allora facciamo anche la repubblica presidenziale. No, quella no. Perché? Perché non c’è tempo. Mica vero: il tempo ci sarebbe. Ma no, non si può fare … Continua a leggere

Pubblicato in Economia | Lascia un commento

Quanti mesi vivono i vitelli?

    Chi vive in città rifiuta, senza rendersene conto, l’idea che le bistecche esposte nei banchi refrigerati del supermercato siano parti di animali uccisi e macellati. Lo sa, ma non vuole pensarci. Non pensa che per fargli assaporare la fettina … Continua a leggere

Pubblicato in Toros | Lascia un commento